Perché viene il singhiozzo?

Di solito è causato dal mangiare molto o velocemente, dall'ingestione d'aria, da sbalzi di temperatura o da situazioni emotive.

A tutti è almeno capitato una volta nella vita. Stiamo tranquillamente bevendo un bicchiere di birra con gli amici e, all’improvviso, senza nessun avviso, compare il maledetto singhiozzo. Alcune volte sparisce senza che non ce ne accorgiamo, però in altre occasioni siamo incapaci di farlo smettere e inizia a diventare un qualcosa di veramente molto molesto e insostenibile.

Il singhiozzo, per definizione, è una contrazione spasmodica, involontaria e ripetitiva del diaframma e dei muscoli intercostali e provoca una fuoruscita di aria. Questo provoca una strozzatura tra le corde vocali, che si chiudono in modo repentino, provocando il suono tipico del singhiozzo che caratterizza il singhiozzo. Potresti chiederti da dove proviene quello strano suono “hip!” tipico del singhiozzo.. Si tratta di un atto di riflesso, però che a differenza del riflesso dello starnuto e della tosse, non ha nessuna funzione di protezione del nostro corpo.

Se non è un problema cronico, il singhiozzo durerà pochi minuti e tutto tornerà alla normalità, ma a volte il disagio che ci provoca sia fisicamente che socialmente (ad esempio, se singhiozziamo durante una riunione), ci fa venire voglia di farlo sbarazzarsi del singhiozzo il prima possibile. Fortunatamente, ci sono metodi per porre fine al singhiozzo, che, sebbene non funzionino al 100% in tutti i casi, molto probabilmente ti aiuteranno a smettere di infastidirti.

Il singhiozzo è normale in neonati e bambini, di solito a causa di una cattiva postura durante l’allattamento o a seguito di una poppata, oppure quando si mangia troppo velocemente. Ma a volte si manifesta anche in altre fasi della vita quotidiana. Infatti, sicuramente tutti abbiamo sperimentato il fastidioso singhiozzo almeno una volta nella nostra vita. Diciamo subito che per quanto scomodo o fastidioso il singhiozzo non è un problema grave, ma un disturbo benigno e temporaneo. Di solito si risolve naturalmente in pochi minuti, ma se persiste a lungo, potrebbe essere un avviso di qualche altro problema che richiede la consulenza di un medico.

Cos’è il singhiozzo

Il singhiozzo si verifica quando c’è un movimento improvviso e involontario del diaframma (il muscolo usato per respirare). Questo muscolo a forma di cupola situato nella parte inferiore del torace, tra il torace e l’addome, si contrae ritmicamente e continuamente per aiutarci a respirare. Quindi, scende quando inspiriamo in modo che i polmoni possano riempirsi d’aria e si rilassa quando espiriamo in modo che i polmoni possano espellere l’aria attraverso il naso e la bocca.

Il diaframma funziona quasi sempre perfettamente, ma quando è disturbato, si abbassa bruscamente, provocando un flusso d’aria in gola, scontrandosi con la laringe. In questo modo, le corde vocali si chiudono improvvisamente e nasce il caratteristico suono “hip”. Di solito è di breve durata, quindi di solito scompare dopo pochi minuti senza dover intraprendere alcuna azione.

Situazioni che provocano singhiozzi

Sebbene in molti casi non vi sia alcuna causa apparente che lo inneschi, possono verificarsi singhiozzi dovuti a:

  • Situazioni emotive, come eccitazione, ansia nervosismo.
  • Cambiamenti di temperatura.
  • Inghiottendo aria.
  • Mangiare abbondantemente cibo solido o troppo rapidamente.
  • Mangiare cibi o bevande piccanti o molto conditi.
  • Consumare bevande alcoliche o gassate.
  • Un irritazioni alla stomaco o alla gola.
  • Chi soffre di una patologia che irrita i nervi che controllano il diaframma, come la polmonite o la pleurite.
  • Una procedura medica, soprattutto se è correlata all’anestesia.
  • La chirurgia addominale.

In questi casi, di solito dura poco e non pone alcun rischio o danno. Ma se il singhiozzo dura a lungo, cioè giorni o addirittura settimane, dovrai consultare un medico perché potrebbe indicare l’esistenza di qualche tipo di problema o la presenza di qualche malattia (di solito è associata ad altri sintomi).

In base alla durata, il singhiozzo si classifica come:

  • Acuto: è noto anche come singhiozzo transitorio. È quello che dura meno di 48 ore.
  • Persistente: dura da 48 ore a un mese.
  • Intrattabile: dura più di due mesi.

A differenza di altri riflessi, come tosse, vomito, ecc., questo sintomo non ha una funzione protettiva e non sembra svolgere alcuna funzione fisiologica.

Dopo aver posto una serie di domande per determinarne la causa, il medico può eseguire un qualche tipo di esame nei casi in cui si sospetti che il singhiozzo sia causato da un disturbo, poiché ci sono alcune patologie che hanno il singhiozzo tra i loro sintomi. Ad esempio, un singhiozzo incoercibile o refrattario può essere un segno paratumorale: lesioni benigne che possono sembrare tumori ma non lo sono. In rari casi può anche essere causato da alcuni problemi all’esofago, alla pressione esercitata sullo stomaco o un ictus o un tumore che colpisce il cervello.

Come prevenire il singhiozzo

Ora che sappiamo cosa causa il singhiozzo, prevenirlo può essere molto più facile. Segui questi suggerimenti:

  • Evita di consumare cibi piccanti.
  • Evita di consumare bevande alcoliche o gassate in eccesso.
  • Mangia lentamente.
  • Non mangiare troppo.

Come fermare il singhiozzo

L’elenco dei rimedi casalinghi che vengono solitamente utilizzati per i casi più comuni e poco importanti di singhiozzo non hanno basi scientifiche, ma chi li usa o li consiglia a una persona che ha il singhiozzo lo fa perché di solito il metodo funziona nel loro caso.

Questi sono alcuni dei rimedi casalinghi più popolari:

  • Che qualcuno ti spaventi senza che te lo aspetti.
  • Trattenere il respiro e contare fino a 10.
  • Starnutire o tossire.
  • Colpire la schiena.
  • Sollevare l’ugola con un cucchiaio freddo.
  • Piegare le ginocchia sul torace.
  • Respirare in un sacchetto di carta.
  • Bere dal lato “sbagliato” di un bicchiere d’acqua.
  • Mettere lo zucchero sotto la lingua o prendere un cucchiaino di circa 4 grammi di zucchero.
  • Bere un bicchiere d’acqua fredda.
  • Eseguire una manovra di Valsalva (espirare con la glottide chiusa o con la bocca e il naso chiusi).

Nel caso in cui abbiamo il singhiozzo acuto, cioè il singhiozzo che scompare dopo pochi minuti, possiamo trovare molti metodi per eliminare il singhiozzo, alcuni di questi metodi non hanno basi scientifiche, quindi abbiamo deciso di non includerli, ma altri, sebbene possano sembrare metodi che agiscono per magia, hanno una spiegazione a livello biologico e per questo li abbiamo inclusi.
Una soluzione scientifica è aumentare l’anidrite carbonica nel sangue. Per ottenere ciò, basterebbe utilizzare un sacco per respirare o semplicemente iperventilare leggermente, è ciò che succede quando riceviamo un bello spavento da qualcuno simpaticamente vuole aiutarci a cambiare il ritmo del respiro. Con questi metodi, l’anidride carbonica nel sangue aumenterebbe e gli spasmi che si verificano nel nostro diaframma diminuirebbero fino a scomparire.

Nei casi in cui è necessario andare dal medico, lo specialista può eseguire un massaggio del seno carotideo – dilatazione del tratto di deflusso dell’arteria carotide interna – nel collo o una lavanda gastrica.

In caso di singhiozzo persistente, una visita dal medico di famiglia ci darà la soluzione, di solito prescriverà un farmaco come la clorpromazina o la metoclopramide.

Esistono anche metodi che possono aiutare a fermare il singhiozzo come l’inserimento di un sondino nasogastrico. In situazioni estreme in cui nessuno dei metodi sopra menzionati funziona, si può ricorrere al blocco del nervo frenico – che nasce dal midollo spinale e attraversa il collo e controlla il diaframma. Se scaviamo un po’ più a fondo nel modo in cui vengono prodotti i singhiozzi, entra in gioco la stimolazione del nervo vago o del nervo frenetico. Per alleviare il problema, si può far sì che il nervo vago invii nuovi segnali di sensazioni al cervello in modo che smetta di prestare attenzione al diaframma, ad esempio, possiamo prendere un cucchiaio di succo di limone o aceto, bere acqua molto velocemente o mangiare ghiaccio tritato tra l’altro.

Questi non sono metodi che funzionano in tutti i casi, ma se non possiamo aspettare qualche minuto per eliminare il singhiozzo, provare ad applicarli può aiutarci a farlo andare via prima.

3 metodi + 1 per contrastare il singhiozzo

1. Esercizi di respirazione

Anche se conosciamo che cosa provoca il singhiozzo (contrazione del diaframma) ancora non è molto chiara la sua causa antecedente. Secondo alcuni scienziati, questo atto di riflesso è dovuto a una discesa del diossido di carbonio nel sangue, qualcosa che si può risolvere con diversi esercizi di respirazione. Quando capita, si può eliminare il singhiozzo trattenendo il respiro per un periodo di tempo, altre volte basta solo rallentare la respirazioni e ti puoi aiutare con una busta di carta (senza soffocare ovviamente).

2. Esercizi del diaframma

Essendo che è questo muscolo che ci crea il singhiozzo è normale che per farlo passare bisogna intervenire con degli esercizi su di esso. Ci sono vari esercizi per far calmare il diaframma. Puoi coricarti per terra e alzare le ginocchia fino a farle arrivare al petto, mantenendo questa posizione qualche minuto. Puoi anche accovacciarti in avanti e provare a toccare con le tue mani i piedi così da comprimere il petto ed alleviare, si spera, lo spasmo. C’è anche un altro esercizio che serve per schiacciare il diaframma: respira profondo per raggiungere lo spazio sotto le tue costole e schiaccia il muscolo fino a quando il singhiozzo non si placa. Altro metodo molto più radicale, consiste nel ricevere un forte colpo proprio nel diaframma. Questo ti toglierà il respiro per un piccolo lasso di tempo, ma facendo scomparire del tutto il singhiozzo. Anche se in questo caso il rimedio può essere più pericoloso della malattia, se ti prendi un colpo in modo sbagliato, puoi persino romperti delle costole. Quindi è consigliato provare un altro rimedio.

3. Esercizi di distrazione

Alcune volte, anche se proviamo mille metodi per farlo sparire, rischiamo solo di peggiorare una situazione di per se già è molto complicata, quindi quello che bisogna fare è cercare di pensare ad altro, proprio come spiegato già precedentemente. Se ti scordi di avere il singhiozzo, probabilmente scomparirà da solo senza che tu te ne accorga. Il famoso metodo dello spavento per farlo smettere si basa proprio su questa premessa: se c’è qualcosa che chiama l’attenzione del tuo corpo, quest’ultimo entra in uno stato di allerta e rilassa il diaframma. Ci sono vari metodi alternativi allo spavento, come mangiare una fetta di limone oppure assumere un cucchiaio di zucchero e mantenerla in bocca fino a quando non si scioglie. L’importante è che tu smetta di pensare al singhiozzo.

Il miglior metodo per far smettere il singhiozzo

Anche se questi metodi probabilmente possono funzionare, sicuramente ce ne sono altri dal momento che non sono metodi definitivi. Funzionano solo per alcune persone ed in altri invece no. Però c’è un altra strategia che, come ha spiegato nel British Medical Journal il dottore Rhys H. Thomas, pediatra del Gloucestershire Royal Hospital, è un “metodo miracoloso” per far scomparire del tutto il singhiozzo. La tecnica consiste nel riempire un bicchiere di acqua, tapparsi le orecchie e bere un po’ alla volta, senza pause, tutto il liquido. Thomas insiste nel fatto che questo metodo funzioni veramente: “Per la mia esperienza personale, questo metodo è praticamente infallibile se lo si applica nella maniera corretta”.

Aumentare la pressione inter toracica è sufficiente per far finire gli spasmi, non è necessario diventare pazzi per poterlo fare.

Thomas spiega che basta bere solo 20 o 30 millimetri di acqua. C’è chi si aiuta con una cannuccia anche se il medico assicura che non è necessario. L’importante è tapparsi le orecchie fino a quando non avete bevuto tutto il liquido. Perché funziona questo metodo? La maggior parte delle cure che riguardano il singhiozzo si basano sull’interrompere l’irritazione del nervo frenico o del nervo vago, che formano parte dell’arco di riflesso. Aumentare la pressione inter toracica è sufficiente per fermare gli spasmi e non bisogna diventare pazzi per poterlo raggiungere. Thomas cita altri metodi alternativi su altri metodi oggetti di studio, come ricevere un massaggio rettale o avere delle relazioni sessuali fino a raggiungere l’orgasmo, però bere un bicchiere di acqua sembra molto più facile.

Parola di Minions
Buuuuuuuu! Uh che paura... però mi sono sbarazzato del singhiozzo!
Tank Yu!
Don`t copy text!