Perché ogni anno si svolge il Festival di Sanremo?

È una tradizione iniziata nel 1950 che non passa mai di moda, perché la passione per la musica accomuna tutti gli esseri umani, parla al cuore e provoca sensazioni diverse in ciascuno.

Ogni anno, puntualmente, assistiamo a esibizioni canore dove i cantanti propongono al grande pubblico i loro nuovi singoli. Questa è anche l’occasione per conoscere nuovi cantanti che si affacciano al mondo della musica.

Il Festival di Sanremo è ormai una tradizione che accompagna gli Italiani, anno dopo anno, dal 1950, in uno dei teatri più famosi d’Italia, il Teatro Ariston di Sanremo, in Liguria.

Ma perché si canta? Fin dall’antichità il linguaggio delle parole non era sufficiente per comunicare ma solo la musica, unita alla danza, poteva descrivere le sensazioni più indefinite, come la gioia, il dolore, l’amore, esprimere desideri o interpretare riti.

Oggi la musica fa parte della nostra esistenza tanto che, se d’improvviso ogni strumento cessasse di suonare ed ogni disco di girare, il mondo ci sembrerebbe troppo silenzioso, tristemente vuoto e privo d’armonia. La musica non passa attraverso il nostro cervello, cioè, non viene analizzata dalla nostra mente e dalla nostra coscienza ma entra immediatamente in contatto con la nostra sensibilità, parla direttamente al cuore.

Ascoltando la musica ci sentiamo toccare intimamente, poiché l’insieme armonico dei suoni mette in subbuglio la gamma dei sentimenti di cui il nostro animo è capace. Ci piace ascoltare la musica perché provoca sensazioni diverse, ci commuove, ci fa provare gioia, ci stupisce spesso per il dolore che esprime, illanguidisce la nostra anima per certi suoi toni accorati, ci esalta per certe sue note epiche, parla al nostro cuore in un linguaggio senza parole, ma che tutti, chi più chi meno intensamente, comprendono.

Parola di Minions
Ma come mi piace cantare...
Me want Banana!
Don`t copy text!